giovedì 15 settembre 2011

Educazione civica

Oggi leggo sul Corriere della Sera questo articolo "Pass e falsi invalidi: mandateci le foto
Pubblicheremo gli abusi e le infrazioni
"
A quanti di noi è mai venuto in mente che una macchina o uno scooter parcheggiati male avrebbero reso più complicata la vita di persone che già hanno i loro problemi? Siamo un popolo incivile e maleducato, nel senso letterale della parola: “educato male”. Certe cose se non vengono insegnate non possono essere apprese se non in condizioni particolari (disabili o più semplicemente genitori col passeggino) o per una innata sensibilità.
La notizia mi ha fatto molto piacere, tuttavia come ci fa notare il buon Severgnini anche i volonterosi, in Italia, hanno la memoria episodica e l'entusiasmo degli amministratori è pure peggio.
Finchè non capiremo che il problema del malcostume e del cattivo funzionamento del nostro Paese siamo noi stessi non cambierà mai nulla.
Comunque ben venga l'annuncio di questa iniziativa da parte del Comune di Milano, spero di vederla presto anche a Bergamo e in tutte le città d'Italia.
Tuttavia una volta che questo provvedimento venisse attuato emergerebbe il vero problema, ovvero la Pubblica Amministrazione (Polizia Locale e simili).
Avete mai provato a chiamare il Comando della Polizia Locale della vostra città per denunciare un'auto parcheggiata sulle strisce, davanti ad un accesso carrale, o per qualche vandalo che danneggia le strutture pubbliche in un parco?
Io si. La risposta tipica è "non abbiamo organico sufficiente per intervenire" (a me è capitato) o peggio ancora il rimpallo di responsabilità "deve chiamare la Polizia" e viceversa "deve chiamare i Vigili" (è capitato ad altri).
Solo una volta dopo aver chiamato è intervenuta la Polizia Locale: fuori da una scuola elementare c'era un'auto parcheggiata in pieno sulle strisce pedonali dalle ore 8:30 (io ho chiamato alle 12:30). Alle 14:00 l'auto aveva la sua bella e meritata multa (I bambini hanno dovuto attraversare comunque tra le auto perchè non è intervenuto il carro attrezzi)
Quindi cari governanti, ci chiedete di denunciare gli evasori e chiedere sempre lo scontrino? Fateci caipre che fate sul serio, cominciando dalle cose di tutti i giorni. Date a tutti noi cittadini la possibilità di fare la nostra parte e vedrete che ci daremo da fare. Volete le foto delle infrazioni? Vi apro un account su Flickr e poi vediamo.
In questo momento di crisi e difficoltà percepisco un rinnovato interesse da parte di tutti alla partecipazione. Facciamo in modo di poterla esercitare!

P.S.
E' lecito fotografare un che auto si trova in una strada pubblica e in evidente infrazione e la foto può essere pubblicata dovunque.
Non c'è violazione della privacy: le targhe sono annotate al Pubblico Registro Automobilistico (Pra) che è, appunto, un registro pubblico, cui chiunque può accedere. La targa non è un dato personale coperto da privacy.

Nessun commento:

Posta un commento